I CAPELLI DI BETTINA

” Nonna, per mezz’ora sparisco, vado in bagno a lavarmi i capelli.

Donatella, ma sei esagerata, te li sei lavati quattro giorni fa: ogni lavada una strasada.

La mia amica Bettina sì che aveva una folta chioma, ma non se li lavò per quattordici anni !”

A questo punto mi incuriosii non poco, mi sedetti e volli che la nonna mi raccontasse di Bettina.

Era una gran bella donna, con lunghi capelli neri, folti e lucidi. Da sola si annodava la treccia, che le arrivava fino alla vita e davanti, sulla fronte aveva dei bei ricciolini, che le incorniciavano la fronte.

La sua non era una pettinatura , ma un’acconciatura.

Una volta al mese, con pazienza si disfaceva la treccia, si spazzolava con cura i capelli, se li tagliava qualche centimetro, poi riempiva una tazza di acqua ed aceto e con questa mistura si passava energicamente sia la testa che i capelli, che divenivano lucidi e brillanti.

Si rifaceva quindi la treccia, si agghindava  i riccioli e così per quattordici anni.

Quando fu anziana si decise a tagliarli corti e fu così che dopo quattordici anni se li lavò .

Donatella, se tu facessi come Bettina avresti una folta e lucida chioma”,

Io ascoltai a bocca aperta e pensai che era una storia incredibile, eppure la nonna non mentiva certamente.

Bettina per quattordici anni non si lavò la sua folta chioma….

Storia vera di un tempo passato.