Lo scrigno e lo specchio
Favole, Filastrocche

FILASTROCCA DELLE VOCALI

image_pdfimage_print

vocali_col_dita_jpeg

 

 

 

Sono poche le vocali

e son facili da imparare.

A E I O U

e di vocali non ce ne sono più.

A come ape, che  miele sa regalare

e se ti punge…non t’arrabbiare.

E l’elefante, che forte è davvero

e che ho intravisto

lungo il sentiero.

O per omaggio,

una rosa di maggio,

che profuma di primavera

e che dura fino alla sera.

I come imbuto,

che si ha bevuto

tutto il mio vino

in un solo minuto.

U come uccello,

magari un fringuello,

che cinguetta bello bello.

Delle vocali la tiritera è terminata.

Forza bambini,

ora va imparata.

 

Previous Post Next Post

Favole recenti